I nostri amici di Highsnobiety sono andati a dare un’occhiata allo street art festival Pow! Wow! a Tokyo e hanno incontrato l’organizzatrice, Emily Okamoto. Nonostante in Giappone ci sia la tendenza a coprire immediatamente i murales, il festival ha trasformato la città in una tale profusione di colori da poter competere con la stagione dei ciliegi in fiore.

youtube teaser image

Definire Tokyo una città o una metropoli è piuttosto riduttivo: Tokyo non è soltanto una delle 30 megalopoli del mondo, ma è la più grande di tutte se si include la regione di Yokohama, che conta oltre 37 milioni di abitanti.

Vista l’enorme proliferazione urbana, la vita è a dir poco frenetica. Si trova un po’ di sollievo allo stress quotidiano nelle piccole cose: gli spazi verdi, i trasporti pubblici efficienti, e l’arte urbana.

In un posto come Tokyo, dove lo spazio è un lusso, il traffico imperversa tutto il giorno. È una città dove, come ci rivela Emily Okamoto, presidentessa del Pow! Wow! Japan, persino un minuscolo scarabocchio sul marciapiede viene rimosso all’istante.

pow-wow-graffiti-crane
pow-wow-graffiti-cans
pow-wow-graffiti-colourful
pow-wow-graffiti-grey-girl
pow-wow-graffiti-seaworld
pow-wow-graffiti-warrior
pow-wow-spraying

Pow! Wow! tenta di cambiare il modo di considerare la street art in Giappone

Uno dei gruppi che cerca di modificare questa percezione negativa è il collettivo di artisti internazionali Pow! Wow! Ci siamo uniti a Highsnobiety per esplorare questo capitolo giapponese di Pow! Wow! e saperne di più sul loro approccio – un approccio che mette in discussione il modo in cui i cittadini piuttosto conservatori di Tokyo percepiscono i murales e la street art.

«Vogliamo che queste persone sappiano che street art non vuol dire danneggiare delle proprietà, ma arricchire la città», spiega Emily. Ed è difficile non lasciarsi convincere quando vediamo certe facciate variopinte davvero grandiose – sulle quali si è scatenata la magia di street artist rinomati in tutto il mondo – che torreggiano sulle autostrade e incorniciano i blocchi monocromatici.

Inutile dire che Highsnobiety ha optato per uno dei modi più rapidi, confortevoli e caratteristici per viaggiare con stile nella capitale giapponese: la nuova smart fortwo, che da poco ha fatto il suo debutto in Giappone.

smart-for-two-japan-cruising
pow-wow-sumo-tag-highway
smart-for-two-japan-backside
smart-for-two-tokyo-by-night
smart-for-two-backlights-japan

Tutte le immagini, compresa l’immagine di testata: Highsnobiety